LISTINO set

vai a LISTINO GENERALE........... vai ad  HOME

 

I Set sono in genere costituiti da un'assortimento di attrezzi o di semilavorati o di ricambi, quasi sempre differenti od assortiti fra loro per fare una cosa o piu' cose in un dato campo, ma mica sempre, dipende infatti da chi e da come lo prepara questo set ed ovviamente per che cosa. Per fare un esempio classico guardiamo la cassetta attrezzi di un idraulico o di un elettricista; in verita' se andassimo a sondare con conoscenza della loro materia in queste loro cassette scopriremmo che di set essi ne hanno piu' di uno e spesso quasi compressi nella stessa cassetta attrezzi che non e' mai abbastanza capiente appunto per questa ragione, si cerca un equilibrio tra lo spazio e la previdenza ma il compromesso in questo campo diviene sempre un vero gesto creativo, quasi d'artista. L'idraulico avra' sicuramente almeno una scatoletta ( un set ) di guarnizioni idrauliche tutte diverse tra loro e sempre pronte all'uso, ma sicuramente avra' anche altri set, uno potrebbe essere quello dei tappi a passo idraulico, per chiudere in gran fretta l'acqua si deve averne un po di tutte le misure ed ad immediata portata di mano. Similmente l'elettriicista avra' nellla sua borsa da lavoro parecchi set di soli fusibili, di capicorda, di morsetti ecc... Tutti quelli che lavorano hanno uno piu' set da qualche parte; lo stesso dicasi per gli attrezzi, fra questi ne esistono molti componibili e quindi al seguito di questi troviamo altri possibili set per modificarli, sempre al volo. Alcuni set sono composti solo da ricambi, altri da soli attrezzi ed altri ancora sono composti sia dagli uni che dagli altri, cioe' di tutto cio' che rende chi li usa indipendente dal tornare ad un deposito od ad un magazzino per rifornirsi. Piu' un set ci rende indipendenti per fare e farlo subito e piu' esso e' ben studiato.

Il concetto base ideale del set e' il : " PER FARE TUTTO E SUBITO ". cosa quasi irreale direi ma almeno ci si tenta.Vi sono tipologie di lavoro che richiedono pochi attrezzi e set, per esempio l'accordatore di pianoforti, che non si porta dietro certo un' officina ma pochi e molto ben fatti utensili, qui siamo nell'essenziale.

Uno dei lavori che se lo si fa per il solo piacere di farlo non richiede tantissimi attrezzi e' lavorare la pelle, lavorandoci io stesso nel tempo ho finitoper costruirmi da solo alcuni utensili, cosa penso inevitabile per qualsiasi artigiano.

Ecco allora il o piu' umilmente una mia visone di set ( minimale appunto ) del principiante, per la cucitura a mano della pelle, ed alla fine per qualsiasi che ci venga in mente di cucire, non ci credete ? dopo aver letto qui magari andate nel link

CUCIRE LA PELLE

qui nel sito ed imparate il " punto sella " nel piccolo video, vedrete che e' adattabile a quasiasi, e' solo questione di usare gli attrezzi adatti con filo-cavo di calibro e robustezza adatti,

ottimo ... allora ci cucio il parafango rotto della mia auto ? certo !!! improbabile ma volendo ci si riesce e stara' insieme.

Un manipolo con porta ago, un buon ago speciale per pelle o vele, un bastoncino con una discreta scorta di filo adatto; non ci occorre altro, fatto salvo un accendino per cimare il filo sintetico ed un coltellino multiuso ( molto consigliabile ).

SET per cucire la pelle modello BASE

Questo set sopra in foto e' disponibile in 3 versioni :

  1. 1-- con contenitore-trousse in pelle gia' cucito a mano, con automatico in ottone marinizzato gia' montato e con asola in pelle nel retro per poterlo appendere alla cintura.
  2. 2-- con il contenitore-trousse gia' tagliato e solo da cucire, con automatico gia' montato.
  3. 3-- con il contenitore-trousse disegnato sulla pezza di pelle ancora da rifilare con la dima in cartone allegata, senza automatico, con fibula di pelle per realizzare la chiusura a stringa apposta che con lautomatico.
  4. Tutte e tre le versioni hanno in comune il manipolo modello BASE in legno, 2 aghi ( 1 grosso + 1 medio di ottima qualita' ), fusello con 3 tipi di filo in polyestere cerato, ogniuno da 10 metri ( 1 filato marrone, 1 nero, 1 bianco trefolato )

Il prezzo eventualmente si vede facendo click sulla foto sopra, e' riferito al set PELLE-BASE N° 1, ( gia' cucito e con automatico montato )

I cordini per cucire nel mio " set base pelle " sono di polyestere ( nero, marrone e bianco ) di grandezza adeguata per un po di tutto; la mia scelta e' caduta su questo filato sintetico ed al posto del classico lino perche' il primo filato si e' rivelato non solo molto piu' torturabile durante la cucitura ma anche molto piu' durevole, lavabile ed in sintesi piu' pratico; inoltre sia i nodi iniziali che quelli finali delle cuciture sono facilitati dal fatto che il filato sintetico si puo' comodamente ed esteticamete fondere a filo cucitura, il che' se per l'estetica e' un discorso anche di bravura nel fare nodi belli e ben fatti, col sintetico invece aumenta di parecchio la tenuta del nodo stesso nel tempo, infatti se fuso a pallina o nel nodo stesso difficilmente esso si aprira', se qualcosa dovesse cedere per me insomma non dovrebbero essere assolutamente le cuciture per usura del filato o peggio ancora per i nodi di chiusura che appunto cedono, il lino e tutti i filati naturali non sempre danno una ragionevole garanzia di gran durata, il sintetico sicuramente si'.

Il manipolo lo si vede qua sotto, lo produco io, in questo caso e' di rovere stagionato ma li faccio con il legno migliore che mi capita volta per volta, quindi il bosso, la noce, il pero, il melo, la robinia, il frassino... il faggio pur essendo un'ottimo legno per manici tendo ad accantonarlo, una questione di olfatto personale, a me piacciono le essenze di frutta e lavorandoci prima o poi riappaiono tra le dita i loro profumi, cio' mi piace. Mano a mano che produrro' nuovi modelli li mettero' qui.

 

manipolo lesina per cucire la pelle -1.................. manipolo lesina per cucire la pelle

sono 6 semplici pezzi combinati fra loro..............................Il prezzo lo si puo' vedere facendo click sulla foto

..................

sempre 6 pezzi combinati fra loro....................                   ...........Il prezzo lo si puo' vedere facendo click sulla foto

...Modello non piu' pretenzioso ma piu' adatto per lavori con cuciture molto lunghe

    il prezzo lo si puo' vedere facendo click sulla foto...

 

.ATTENZIONE : PRODUZIONE MOLTO LIMITATA, I MODELLI CAMBIANO SPESSO FOGGIA ( SOPRATUTTO LE PARTI IN LEGNO MA A VOLTE ANCHE LA LORO MECCANICA ) , MENTRE IL TIPO D'USO E LA QUALITA' ILLUSTRATE IN OGNI FOTO RIMANGONO SEMPRE INVARIATE, SEMMAI MIGLIORANO   : ) ........

La mia produzione e' sempre derivata dall'uso diretto, varia o lo puo' per effetto delle mie osservazioni sul campo, quindi ogni serie nuova sara' probabilmente quasi sempre diversa dalla precedente; non sempre le nuove modifiche incidono aumentando i prezzi, anzi e' raro. Produco fin'ora 3 tipi di manipolo, quello qui sopra e' il " base ", il piu' semplice. Ne tornisco un secondo tipo con il roccheto per il filo alloggiato all'interno; nella pratica mentre si cuce a punto sella si ha sempre una parte di filo verso di noi che svolazza, col rocchetto interno esso e' vincolato all'interno del manipolo dal quale al bisogno si srotola, l'ho trovato molto pratico per il viaggio e per in ogni caso averlo sempre col filo dentro il manipolo; il rocchetto puo' avvolgere circa 2-4 metri di filo, secondo i diametri del filo usati ovviamenti. Il terzo tipo ha sempre il rocchetto ma a questo si aggiunge una specie di unghia a tagliola esterna, essa blocca allo strappo sempre il filo verso di noi ma lo fa in modo ancora piu' deciso e regolabile al volo secondo il bisogno di ogni punto ( serve specialmente per quando il punto e' veramente " duro" da tirare ). Questo ultimo tipo di manipolo cerca di risolvere un problema di tutti i manipoli-lesina ed e' sempre in evoluzione. Quando infatti si ritira l 'ago da strati molto pesanti ( specialmente se non preforati ) capita spesso infatti che allo strappo finale nel tirare il punto a stringere si sfili il cavo dalla cruna e ciao; con i forti spessori e specialmente verso la fine delle cuciture spesso capita quindi di dover reinfilare in cruna il filo di cucitura; per non avere questo problema si deve usare una bava di filo o cavetto con parecchia abbondanza, il che coi costi attuali del filo buono non sempre risulta economico. Non ho ancora trovato qualcosa che mi garantisca sempre al 100% il non sfilarsi del filo dalla cruna alo strappo e che nello stesso salvaguardi completamente l'integrita' del filo quando strozzato, questo sempre a causa della molta forza che a volte bisogna imprimere alla mano che " tira " i punti. Andiamo su Marte e poi ci si sfila ancora il filo da una cruna, lle' propri vuna robba dei matt... ma non finisce qui, prima o poi ci arrivo.

Ed ora muniamoci di una forbice ben tagliente, di un punteruolo aguzzo e robusto, di un coltello rigido molto affilato, di una pinza media e di una pinzetta piccola; qui ci vorrebbe un SEt che contenga comodamente tutti questi attrezzi, anzi facciamoci un bel regalo utile, compriamoci un bel coltellino multiuso svizzero. Perche' proprio svizzero ? la ragione e' semplice, sono a mio avviso gli unici che racchiudono alcune particolarita' che a noi interessano molto nel lavorare la pelle, ma non solo quella, noi infatti cerchiamo sempre di ottimizzare e qui troviamo dei veri set un po per tutte le attivita', vale il ragionamento dell'autosufficenza. Tra le varie buone marche svizzere io consiglio la Victorinox, la potete raggiungere da qui produce vari modelli di coltelli pieghevoli multiuso e parecchie altre cose che casomai poi vi cercherete da soli; essi generalmente sono derivati dagli stessi che fornisce all'esercito svizzero e per quanto riguarda la qualita' e' la stessa ed e' livellata a tutta la loro ottima produzione, vediamoli brevemente in immagini che credo parlino da sole, ( sono solo alcuni modelli, a mio parere i piu' esaustivi di una gamma vastissima ) e' comunque un'ottimo investimento efficace e duraturo, che si ripaghera' velocemente usandolo.

COLTELLO VICTORINOX MODELLO ANGLER .......... coltello victorinox modello huntsman.......... coltello victorinos modello HANDYMAN .......... coltello Victorinos modello Swiss Champ

Angler...................................Huntsman...................................Handyman..............................SwissChamp

Belli e completi, ma se non hanno tutto quello che si vorrebbe in alcuni casi si puo' anche modificarli.

Il modello Angler ed il modello SwissChamp per chi per esempio cuce, hanno infatti la possibilita' ( con un po di pazienza e con l'aiuto di una colonna trapano precisa + moletta-manipolo, meglio se del tipo Proxxon o simili ) di trasformare il leva-ami in un AGO FISSO ( in pratica una LESINA ) con ago di misura medio-grossa. Per capire quale e' la parte che si puo' modificare a questa bisogna bisogna innanzitutto isolarlo dalla vera selva di altri utensili pieghevoli. Cercare allora quella specie di lama nella zona sopra,( modelli Angler oppure SwissChamp ) semiaperta, piegata verso destra, ondulata, graduata e con una forchettina appena accennata in cima, si chiama LEVA AMI, attrezzo utilissimo per chi pesca, serve per disarpionare l'amo dalla bocca dei pesci che l'hanno inghiottito facendosi appunto pescare.

Ecco il risultato della mia modifica, da leva-ami a lesina

una LESINA robusta e sopratutto ripiegabile

la modifica elimina meta' dello spazio originale occupato dal leva-ami ripiegato, cio' consente di alloggiare li' una piccola matassina gia' montata e fermata dall'ago ripiegato.

Perche' poi inguaiarsi a modificare un coltello multiuso quando e' cosi' semplice portarsi dietro un'ago ? se ti fai questa domanda forse devi ancora iniziare a cucire la pelle in modo amatoriale, quindi ovunque e non sai quando, cio' non e' molto prevedibile. Si tratta comunque di un bel lavoretto di pazienza il realizzare un'ago fisso ripiegabile dentro un coltello simile, anche perche' e' tutto di acciaio inox piuttosto coriaceo, ma l'avere sempre un ago-lesina robusto in tasca e' veramente intrigante per chi ama o non si spaventa a cucire a mano un po dovunque e per qualsiasi. Tutti i modelli Victorinox sono prodotti con la stessa identica qualita', nel caso se ne volesse uno guardare molto bene il catalogo on-line e poi recarsi sicuramente solo in un negozio abilitato al marchio, perche' le differenze a prescindere dal prezzo posso essere anche notevoli e poi ci si puo' pentire di un' acquisto affrettato o di ripiego; qui quello che si spendera' e' tutto giustificato se e' veramente il coltello originale. Fare molta attenzione nel comprare perche' qui le imitazioni da bancarella si sprecano anche in maniera indecorosa copiando pure il marchio originale; siete stati ora fraternamente avvertiti. Personalmente ho scelto un modello pazzesco al quale manca solo la lavapiatti, e che credo pesi quasi 3 etti, ma in sintesi ed in forma piu' ridotta e' piu' o meno l'equivalente dell'odierno SwissChamp ( l'ultimo a destra sopra). Mi ricordo che appena uscito dal negozio e guardando questo coltello che avevo appena comprato non e' che mi fossi pentito dell'acquisto, ma mi diedi sorridendo sicuramente almeno del fanatico; per inciso l'ho dovuto affilare solo un paio di volte in 22 anni e mai avuta nessuna rottura anche usandolo parecchio. In effetti se Robison Cruise avvesse avuto questa mia fiammante robusta officina pieghevole al seguito probabilmente in breve tempo avrebbe potuto fare chissa' quale cosa, penso per esempio ad una barca a vela trialbero da gara transoceanica o meglio ancora : una playstation 3 coi joystick in wireless... ok scusatemi, ritorniamo a terra.

 

 

vai a LISTINO GENERALE

VAI AD HOME

SCRIVIMI DA QUI GRAZIE

TORNA SOPRA

 

 

 

 

WEMASTER -

Tutte le immagini, i filmati,i marchi auto-prodotti e contenuti dal sito appartengono ai legittimi proprietari

vietata la riproduzione, anche parziale senza l'esplicito permesso degli interessati.